miércoles, 31 de agosto de 2011

Sii solo ....Sé solo...

uSii solo l'Amore che tende le mani a congiungersi con le tue. L'Amore ti tende le mani, prendile e sii.

Sé solo el Amor que tiende sus manos para unirlas con las tuyas. El Amor te tiende sus manos, cógelas y sé.



Io ti ricordo... Yo te recuerdo.....

Io ti ricordo, perché lo ricordi, che sei nata per santificare ogni cosa.

Yo te recuerdo, para que tú lo recuerdes, que has nacido para santificar todas las cosas.

Hai imboccato....Has emprendido...


Hai imboccato il cammino. Ora va. Ora va. Ora va.

Has emprendido el camino. Ahora ve. Ahora ve. Ahora ve.

Non è permesso...No está permitido...


Non è permesso tergiversare il cammino a chi lo ha sentito dentro di sé come cammino. Molteplici vie, un solo cammino.

No está permitido tergiversar el camino a quien lo ha sentido dentro de él como camino. Múltiples son las vías, uno solo es el camino.

Riverbero della Luce... Reflejo de la Luz...

Riverbero della Luce è ogni cosa che è fatta pensando a tutto ciò che, creato, ti ha dato il Signore. Non esiste, perché non esiste, malore più grande che avere misconoscenza potendo avere la conoscenza. La parola di Dio inonda come l'acqua marina fa nelle baie, negli anfratti marini, negli abissi. Io, autocosciente, risuono per te come se fossi campana battuta dal vento e i suoi rintocchi.

Reflejo de la Luz, son todas las cosas que Dios ha creado y te ha dado. No existe, porque no existe, dolor más grande que el de no tener el conocimiento cuando se le puede tener. La palabra de Dios inunda como hace el agua del mar que penetra en las bahías, en las anfractuosidades marinas, en los abismos. Yo, al ser autoconciente, resueno dentro de ti como si fuera una campana movida por el viento y fuera las campanadas.


martes, 30 de agosto de 2011

Abominevole...Abominable...

Abominevole oggetto del bene (della ricchezza), la cupidigia nel cuore dell'uomo ha donato solo amore per le cose. Io ti voglio donare l'Amore che non conosce frontiere ed è miracoloso nel cuore: trasforma le rocce in frontiere al di là delle quali non esiste rancore.
Nel tuo cuore l'ardore di dare mai più troverà né pietra miliare né ostacolo alcuno.

Abominable objeto del bien (de las riquezas), la avidez en el corazón humano ha dado solo el amor por las cosas. Yo te quiero dar el Amor que no conoce fronteras y es milagroso en el corazón: transforma las rocas en fronteras más allá de las cuales no existe el rencor.
En tu corazón, el deseo ardiente de dar no encontrará nunca más ni piedra millar ni obstáculo alguno.

Io risuono....Yo resueno...


Io risuono per te come se fosse musica, e nulla risplende là sulla Terra più di quanto risplenda la luna sui campi eterei e non cessa di portare a te nuovo animo.
Non ripensare al passato, vivi intensamente il presente e non pensare. Tu non pensare. Vivi e arguisci da te tutte le cose che sono state create. Io ti domando di avere la fede. La fede che muove montagne? La fede che ti dà solo fiducia nel bene, la fede che cede davanti al Signore e cade supina ai Suoi piedi.

Yo resueno para ti como si fuera música, y nada resplandece allá en la Tierra más de lo que resplandece la luna sobre los campos etéreos, y no deja de llevarte nuevos ánimos.
No vuelvas a pensar en el pasado, vive intensamente el presente y no pienses. Tú, no pienses. Vive y reconoce tú sola todas las cosas que han sido creadas. Yo te pido que tengas fe. ¿La fe que mueve montañas? La f
e que te da solo confianza en el bien, la fe que cede ante el Señor y se cae supina ante Sus pies.

Più lontano...Cuanto más lejos...

Più lontano tu andrai, più Io sarò lì vicino.

Cuanto más lejos irás tú, más cerca estaré Yo.

lunes, 29 de agosto de 2011

Amarezza...Amargura...


Amarezza, la Terra è amarezza, amarezza di non aver riconosciuto nel suo grande maestro Gesú Nazzareno, il portatore di gioia.

Amargura, la Tierra es amargura, amargura de no haber reconocido en su gran Maestro Jesús Nazareno, al portador de la alegría.

I dolori...Los sufrimientos...

I dolori li hai tralasciati nel vento e il vento li ha sepolti lontano, dove appassisce ogni cosa.

Los sufrimientos los has abandonado en el viento y el viento los ha sepultado muy lejos, donde marchitan todas las cosas.




viernes, 26 de agosto de 2011

Quando ti affacciavi....Cuando te asomabas....

Quando ti affacciavi alla vita, sorgeva in te il desiderio di diventare, malgrado l'apparenza, tutto ciò che diviene. Ciò che diviene è il Signore. Quando, assaporando la Presenza, tu chiedi solo la Presenza, Io sono Presenza. Divengo sola Presenza. E poi? Poi il passato si annulla. Rimane ben poca cosa. Ceneri sparse nel vento, parole.
Ceneri sparse nel vento. Questo è il passato. Parole, ricordi, passato: ceneri sparse nel vento. Vorrai tu continuare a cercare ceneri sparse nel vento o vorrai costruire una roccia? La roccia sei tu dentro di te. Non esiste altra roccia per te: te stessa dentro di te.

Cuando te asomabas a la vida, nacía en ti el deseo de llegar a ser todo lo que deviene, a pesar de las apariemcias. Lo que deviene es el Señor. Cuando, al saborear la Presencia, tú pides solo la Presencia, Yo soy la Presencia. Llego a ser la única Presencia. Y, ¿luego? Luego el pasado se anula. Queda muy poca cosa. Cenizas esparcidas al viento, palabras.
Cenizas esparcidas al viento. Esto es el pasado. Palabras, recuerdos, pasado: cenizas esparcidas al viento. ¿Querrás seguir buscando cenizas esparcidas al viento o querrás construir una roca? La roca eres tú dentro de ti. No existe otra roca para ti: tú misma dentro de ti.

jueves, 25 de agosto de 2011

Promessa oltremodo ....Como promesa.....

Promessa oltremodo sublime, l'Archetipo prese la Sua forma e discese a illuminare la via del ritorno. All'origine c'era solo la Luce. La Luce è diventata solenne promessa, e poi? Poi è andata a infiltrarsi là dove sorgeva la materia. La materia ricopre la Luce. La Luce non può camminare da sola tra i sassi. Materia: portatrice di Luce. Quando fluisce da te verso di Me, la tua Luce diventa Mia Luce. E tu non ricordi il passato. Che cosa è il tuo passato, se non una scuola di vita che ti ha tormentato per anni fino a capire?

Como promesa indeciblemente sublime, el Arquetipo tomó Su forma y bajó para iluminar el camino del regreso. En el origen solo había la Luz. La Luz ha llegado a ser solemne promesa y, ¿luego? Luego ha ido a infiltrarse allí donde surgía la materia. La materia recubre la Luz. La Luz no puede caminar sola entre las piedras. Materia: portadora de la Luz. Cuando fluye desde ti hacia Mí, tu Luz llega a ser Mí Luz. Y tú no recuerdas el pasado. ¿Qué es tu pasado, sino una escuela de vida que te ha atormentado durante años, hasta que has comprendido?

miércoles, 24 de agosto de 2011

Quando, immacolata e ... Cuando, inmaculada y...

Quando, immacolata, nuova e gentile, l'alba si affaccia al tuo nuovo cielo, e tu rinnovi da dentro di te tutte le cose, Io vengo, presente, a rassicurare te e le genti.

Cuando, inmaculada, nueva y gentil, el alba se asoma a tu nuevo cielo, y tú renuevas desde dentro de ti todas las cosas, Yo llego, presente, para darte confianza a ti y a las gentes.

L'Amore fluisce....El Amor fluye....

L'Amore fluisce colà in ogni cosa. Non devi pensare a partire lasciando incompiuto il lavoro. Tuo è il lavoro. Ravvedi dunque il cammino e cammina colà, tra le Parole

El Amor fluye allí en todas las cosas. No tienes que pensar en marcharte dejando inacabado el trabajo. Tuyo es el trabajo. Vuelve a tomar el camino y camina allí, entre las Palabras.

martes, 23 de agosto de 2011

Io sono padrone...Yo soy dueño....

Io sono padrone di tutte le cose e ti ordino: va, cammina, riporta le greggi all'altare del sole che ogni mattina risorge. Non tergiversare il cammino. Riporta nel caos solo il bene. L'uomo è caos, lo si vede. Riporta alla Vita la vita. Dà a ogni uomo coscienza del Dio Presente. Non terminerà questa fonte di dare a te, come a chiunque, afflato, apporto di Vita. Io sono la Vita e ti chiedo: non abbandonare la Vita. Essa deve fiorire. A te è stato dato un dono, riportalo là dove esso è nato.

Yo soy dueño de todas las cosas y te ordeno: ve, camina, vuelve a llevar a los rebaños hasta el altar del sol que vuelve a nacer cada día. No tergiverses el camino. En el caos vuelve a llevar solo el bien. El hombre es caos, se le ve. Vuelve a llevar la vida hasta la Vida. Dale a cada hombre la conciencia del Dios Presente. No dejará esta fuente de darte a ti, como a todos, el soplo, el aporte de Vida. Yo soy la Vida y te pido: no abandones la Vida. La Vida tiene que florecer. Te ha sido dado un don, vuelve a llevarlo allí donde ha nacido.

Essere maestri.....Ser maestros...



Essere maestri del bene, vuol dire avere e dare autocoscienza. Io guiderò i tuoi passi. Io sarò la tua strada. Io sarò la tua bandiera, il vessillo, alabarda. Io sarò la tua spada. Non avrai altro Dio. Non amerai altro Dio all'infuori di Me. Io sarò la tua Luce. Vedetta. Faro. Illuminerò le tue notti. Io sarò la tua guida. La meta. L'arrivo. L'approdo. A te donerò a cascate il Mio bene. Tornerò a ritrovarti ogni ora, ogni giorno, ogni minuto. Attimo. Attesa.

Ser
maestros del bien, quiere decir tener y dar autoconciencia. Yo guiaré tus pasos. Y seré tu camino. Yo seré tu bandera, el estandarte, la alabarda. Yo seré tu espada. No tendrás a otro Dios. No amarás a otro Dios fuera de Mí. Yo seré tu Luz. Atalaya. Faro. Iluminaré tus noches. Yo seré tu guía. La meta. La llegada. La arribada. Por cascadas, te daré Mi bien. Volveré a verte a cada hora, cada día, a cada momento. Instante. Espera.

A carpire....Para que comprendas..

A carpire il sentore di Dio, Io ti dono le Mie parole.

Para que comprendas el perfume de Dios, Yo te doy Mis palabras.

sábado, 20 de agosto de 2011

Al di là...Más allá...

Al di là delle cose, Io sono il Signore.
"Al di là delle cose trionfa il Signore. Signore, voglio, desidero, agogno essere Te in ogni mia spora, molecola, fibra. Desidero essere Te. Sapere. Sapere che cosa? Saper essere Te, in ogni mia spora. Ti amo, Signore, o è molto di più? Dí, mio Signore, è amore o è sapore? Sapore di Dio, assaporarti, saperti. Esserti in ogni mia spora: io sono Te."

Más allá de las cosas, Yo soy el Señor.
"Más allá de las cosas triunfa el Señor. Señor, quiero, deseo, anhelo ser Tú en cada una de mis esporas, moléculas, fibras. Deseo ser Tú. Saber. Saber, ¿qué? Saber ser Tú, en cada una de mis esporas. Te amo, Señor, ¿o es mucho más? Di, mi Señor, ¿es amor o es sabor? Sabor de Dios, saborearte, conocerte. Ser Tú en cada un de mis esporas: yo soy Tú."

Quando, immacolata... Cuando, inmaculada....

Quando, immacolata come era venuta, l'anima mia tornerà al Signore, arricchita dell'esperienza ricevuta durante la vita, allora io Ti dirò:" Eccomi a Te, io sono venuta e Ti porto e Ti dono quanto ho imparato laggiù sulla Terra. Sarò di nuovo una stella o un pianeta o una sfera celeste che gira nell'universo. Sarò, perché sono, cosa venuta a capire. Capire che cosa, se tutto in me è di là da capire? Capire che cosa, se ho capito l'aurora?
Nascente dentro di me, essa è aurora per me e io Te la dono, Signore. Ti dono l'aurora di avere capito che Tu sei dentro di me, mio Signore. L'anima mia Ti risponde, Ti vede, Ti ama, Ti è. Perché è avvenuto il cambiamento? Perché parlo io? Desidero avere più conoscenza. Dammi, Signore, la Tua conoscenza.
Al di là delle cose è Dio, mio Signore."

Cuando, inmaculada como cuando vino a la tierra, mi alma vuelva al Señor, enriquecida por la experiencia recibida durante la vida, entonces yo Te diré:" Heme aquí, he llegado hasta Ti, y Te traigo y Te doy lo que he aprendido allí abajo, en la Tierra. Seré de nuevo una estrella o un planeta o una esfera celeste que gira en el universo. Seré, porque lo soy, una cosa que ha venido para comprender. Comprender, ¿qué si todo en mí está todavía por comprender? Comprender, ¿qué, si he comprendido la aurora?
Al nacer dentro de mí, es aurora para mí y yo Te la doy, Señor. Te doy la aurora de haber comprendido que Tú estás dentro de mí, mi Señor. Mi alma Te responde, Te ama, es Tú. ¿Por qué ha ocurrido este cambio? ¿Por qué hablo yo? Deseo tener más conocimientos. Dame, Señor, el conocerte.
Más allá de las cosas está Dios, mi Señor.

viernes, 12 de agosto de 2011

Non hai da... No tienes que...

Non hai da vedere più nulla che non sia solo Amore.

Ya no tienes que ver nada que no sea solo Amor.

Come il sole....Como el sol....

Come il sole alla pianta, all'acqua piovana vapore, così agisce nell'uomo l'Amore, lo fa evaporare: esalare vapore: amore. Trasforma l'acqua del ghiaccio, neve diventa ruscello, inonda i prati, diventa acqua da bere.
Così come la neve gelida, fredda, sublime bellezza, diventa acqua da bere, così voi dovete capire che Dio è l'acqua piovana, la neve. Ghiacci perenni? No. Morituri, come tutto è nella vita. Perenne è solo l'Amore: energia che può trasportare lontano quell'uomo, là, dalla terra al cielo.

Como el sol para las plantas, vapor para el agua de la lluvia, del mismo modo el Amor actúa en el hombre, le hace evaporar: exhala vapor: amor. Transforma el agua del hielo, la nieve se transforma en riachuelo, inunda los prados, se transforma en agua para beber.
Del mismo modo que la nieve gélida, fría, sublime belleza, se transforma en agua para beber, así vosotros tenéis que comprender que Dios es el agua de la lluvia, la nieve. ¿Hielos perennes? No. Perecederos, como todo en la vida. Perenne es solo el Amor: energía que puede transportar lejos a ese hombre, desde la tierra hasta el cielo.

miércoles, 10 de agosto de 2011

Rivedi le cose.. Vuelve a mirar las cosas....



Rivedi le cose alla Mia Luce e Io sarò tuo raccordo a tutte le cose create e non ancora create. È lungo il cammino. Io sono il sentiero. Ritorno. Rallento, ripiego, rallento il respiro ad ascoltare quell'uomo che ha trovato dentro di sé il Mio respiro ed ascolto il battito di ogni cuore.

Vuelve a ver las cosas bajo Mi Luz y Yo seré tu enlace con todas las cosas creadas y las que todavía no han sido creadas. Largo es el camino. Yo soy el sendero. Vuelvo. Modero Mi paso, me recojo, modero Mi respiración para escuchar a ese hombre que ha encontrado Mi respiro dentro de él y escucho el latir de cada corazón.

Risvegliare....Despertar...

Risvegliare la fede è la missione. La fede in Colui che discende sotto forma di sole, di luna, a illuminare il cammino. Riflesso la luna del sole.
Riflesso del Sole di Dio, ogni essere umano può illuminare la notte. Ogni notte offusca le menti. Le menti, piccole cose umane che hanno trasceso l'umano: ciò che è umano.
Date alle genti la Luce. La Luce. Solo la Luce, e Io penetrerò come Amore. Luce ed Amore.
Luce ed Amore.
Io sono Presente. Invado le messi, nei campi fiorisco, sono animale che bela, sono la volta celeste, sono animale ferito, sono Colui che appartiene. Appartiene vuol dire far parte integrante di ogni essere umano, di tutto ciò che si muove, di tutto ciò che respira, di tutto ciò che ritorna alla vita, alla "morte", grande ritorno. Cosmo. Mattino, alla sera. Eternamente Io torno.

Despertar la fe es la misión. La fe en Aquel que desciende bajo la forma de sol, de luna, para iluminar el camino. Reflejo la luna del sol.
Reflejo del Sol de Dios, cada ser humano puede iluminar la noche. Cada noche ofusca las mentes. Las mentes, pequeñas cosas humanas che han trascendido lo humano: lo que es humano.
Darle la Luz a las gentes. La Luz. Solo la Luz, y Yo penetraré como Amor. Luz y Amor.
Luz y Amor. Yo soy Presente. Invado la mies, florezco en los campos, soy animal que bala, soy la bóveda celeste, soy animal herido, soy Aquel que pertenece. Pertenece, quiere decir formar parte integrante de cada ser humano, de todo lo que se mueve, de todo lo que respira, de todo lo que vuelve a la vida, a la "muerte", gran regreso. Cosmos. Mañana, por la tarde. Eternamente Yo vuelvo.

martes, 9 de agosto de 2011

La luna è simbolo...La luna es símbolo...

La luna è simbolo di molta bellezza non spenta, reale, assoluta, risplende di luce riflessa, magica. Splendore di Luce riflessa da Dio come Luna, la Luna d'Amore riflette i Suoi raggi e Io sono e Luna e Sole e rifletto i Miei raggi. Io sono quei raggi. Io sono l'Amore e a te dono il Mio raggio sublime. Raggio d'Amore.

La luna es símbolo de mucha belleza que no está apagada, que es real, absoluta, resplandece de luz refleja, mágica. Resplandor de Luz refleja por Dios como Luna, la Luna de Amor refleja Sus rayos y Yo soy Luna y Sol y reflejo Mis rayos. Yo soy esos rayos. Yo soy el Amor y te doy Mi rayo sublime. Rayo de Amor.

Le pecorelle...Las ovejitas....

Le pecorelle smarrite sono le persone non autocoscienti. Sei tu pecorella smarrita al nido di Dio? Tu sei il Mio nido e Io annido dentro il tuo cuore come cololmba e annido e ti sono e risveglio dentro di te tutte le cose occulte, nascoste: il subconscio, tormento.
Nascondo le cose, perché tu non soffra e riprenda a volare e volo nel cielo e ti porto notizie del mondo e nascondo a te il vero per donarlo a chi vede dentro di te il Suo immenso vero che non è più nascosto, è rivelato.
A te rivelato, risplenderà lunghi anni portando al dolore sollievo immediato.

Las ovejitas descarriadas, son las personas no autoconscientes. ¿Eres una ovejita descarriada para el nido de Dios? Tú eres Mi nido y Yo anido en tu corazón como una paloma y soy tú y despierto en ti todas las cosas ocultas, escondidas: el subconsciente, tormento.
Oculto las cosas para que tú no sufras y vuelvas a volar y vuelo en el cielo y te traigo noticias del mundo y te oculto la verdad para dársela a los que ven en ti Su inmensa verdad que ya no está oculta, está revelada.
La verdad que te es revelada, resplandecerá por muchos años llevando consuelo inmediato al dolor.

jueves, 4 de agosto de 2011

Conta le infinite.... Cuenta las infinitas...


Conta con le tue mani le infinite occasioni in cui ti sei sentita abbandonata, e conta poi le situazioni in cui è arrivato l'aiuto. Le puoi paragonare? No, certamente. Devi capire che l'aiuto di Dio è implicito nella natura umana. Perché, dirai? Perché è connaturale alla natura umana.

Cuenta con tus manos las infinitas ocasiones en las cuales te has sentido abandonada, y luego cuenta las situaciones en las cuales ha llegado la ayuda. ¿Las puedes comparar? No, seguramente. Tienes que comprender que la ayuda de Dios está implícita en la naturaleza humana. ¿Por qué, dirás? Porque es connatural con la naturaleza humana.

lunes, 1 de agosto de 2011

Favola della creazione dell'anima

Capitolo II

Favola della creazione dell’anima

Preso da grande furore, il Padre decise di castigare il Suo uomo pedestre e confinò lui e i suoi discendenti in terre desertiche e strane, futuro rigoglio di genti a compitare le messi, i capi suoi di bestiame, l’alba e il tramonto, l’ora del sonno e la veglia. Ma come fargli capire che il Bene era lì, non nel luogo lontano e deserto, ma dentro, profondo di lui?

Semplice. Facendo scavare da mano esperta quell’anima che non trovava la Luce. E quale la mano che, esperta, ritrova a Luce? La mano tremante e sicura del Grande Dolore. Che Grande Dolore? Della morte naturalmente.

E così l’uomo, immortale per propria natura divina, ridiscese qui sulla Terra, non più dentro il Mare acquatico (amare), ma dentro l’involucro che, umano chiamato, non è che un ammasso di spine spinose che pungono fino a che l’acqua (del Grande Amore), non smussa le spine e le trasforma in oggetti d’amore. E come si fa? Ma,semplice, accettando il Dolore componente il tuo essere umano, uomo caricato da Dio di Amore, ma scaricato d’Amore dal Grande Dolore che agisce da grande torturatore, finché l’anima, come nervo di dente scoperto, urla e poi tace e, sanguinando, ritrova la via del suo Bene.

Così, sanguinando, è morto Gesù, non per castigo: esempio. Un semplice esempio: il Sangue scorrendo dalle ferite (molte, d’accordo, ma poche, credetemi, paragonate al Grande Dolore di vivere qui sulla Terra per anni e per anni, compagno il Dolore), ha lavato in parte quel male.

E così, un poco per sua volontà, un poco per il suo (dell’uomo) sangue versato, un poco per intervento divino e un poco perché è nell’evoluzione dell’uomo, la Luce finalmente cammina e prosegue e non si ferma se non quando ha trovato la Luce che, Primigenia, scaturisce indefessa dal, per il, con, nel Bene.

Ti è piaciuta? Su, dormi adesso. Domani sarà un altro giorno pieno di Luce.

La saga dell'uomo


La saga dell’uomo

Capitolo I

Favola della creazione dell’a-mare

In tempi incommensurabilmente lontani, quando ancora non vagiva sulla Terra la voce dell’uomo e l’acqua riposava tranquilla negli alvei anfrattuosi e solenni delle profondità del mare, nacque dal mare un’idea, l’Idea di creare, come simile a Dio Suo consustanziale, un essere volente, capente, condiscendente ed eterno.

E l'essere sbucò dalle acque dei fiumi, dei mari, dei laghi, dei ruscelli, dei rivi. Sbucó dal mare, soprattutto dal mare. Era bello come il suo Dio, buono come l’odore del pane, agile come gazzella di fiume, volenteroso come le mani del bene, unico, irripetibile, ardito, fiero, solenne, cosciente della sua progenie da Dio.

E stampò qui sulla Terra l’orma di Dio onnisciente. Ma che cosa successe all’impronta di Dio onnisciente qui sulla Terra? Successe una grande sventura programmata da Dio come ventura (futura) portatrice di bene, di Luce, di speme. E che cosa successe? Successe il Diluvio, che trascinò con sé tutta la creatura di Dio come tale e ne fece un elemento di terra.

E la terra non è come l’acqua, dove tutto si muove e si libra veloce cosciente del bene. No. Sulla Terra il camminare ostacola. E ostacolò il camminare dell’uomo. Così, camminando, l’uomo non trovò più se stesso, né il mare, né il bene. Perduto, lo cerca qui sulla Terra dove, altre le forze, non sono a lui congeniali e camminando si perde nel buio di notte e nella luce abbagliante di giorno, e non sa più trovare il cammino del mare. Del mare di a-mare, naturalmente.

E così, vagabondo e sperduto, s’affaccia a quel mare e non vede che mare e non sa che lì nel suo mare risiede la vita. E cos’è questo mare? È la tua anima, uomo, che tu hai perduta. Ritrovala, uomo, ripescala là nel profondo, dove profondo risiede. E lì, nel profondo, Lui sarà di nuovo il tuo mare e nel mare, liberato da mille catene, saprai tu cercare quel bene che, occulto ai tuoi occhi da molte catene, non trova se non spiragli di luce che, nella Luce, sono come lucerne.

favola del bene supremo


Favola del bene supremo

In un tempo lontano come la Fossa delle Marianne, (inaccessibile dunque all’uomo) esisteva qui sulla Terra un uomo venuto dall’Est, che predicava parole e aveva dentro di sé una fiamma che ardeva e ardeva e ardeva e nulla bruciava. Ardeva per se (latino) e aveva una forza che non si può dire e dentro aveva uno scrigno fatto d’oro e d’argento e aveva il possesso, del bene e del male? No. Solo del bene, e seminò qui sulla Terra parole di bene e crebbero. E furono vigorose e coprirono tutta la Terra. E la pianta del bene fruttificava e fioriva ed aveva dentro di sé molti semi. I semi del bene.

Ma giunse un giorno lontano e ogni cosa fu un’altra cosa. Confusa. E perché? Perché nasceva l’invidia, padrona del male, inteso come assenza di Dio. E tu sai che in ogni cosa è presenza di Dio. E così, confuso, fu tergiversato quel bene che dava sollievo e amore alle genti. E nacque il dubbio, atroce nemico del genere umano. Amo Dio? No, non Lo amo. Ci credo? No, non ci credo. E così, sopra le basi del dubbio, qualcuno gettò la paura che attecchisce sovrana appena ne prendi una cocca del grembiule e non ti abbandona.

Che fare? Tornato da Est a vedere, quell’uomo riprese le vesti di uomo per stare qui sulla Terra e insegnò: “Non temete”. Ma chi gli credeva? La paura è una grande sovrana e dominò da sovrana.

Ma un giorno, passato del tempo, è nata la Luce nel cuore dell’uomo e la Luce ha dissipato paura e buio e discordia. E se tu ti guardi, ti vedi uguale ad ogni creatura.

Ti è piaciuto? Questa è la favola del bene supremo: la pace dentro la Luce.